29/05/2018

Lambrusco e grigliata, l’abbinamento da provare

Sul blog americano ‘The Corkscrew Concierge’, Katrina Clarence Rene racconta la sua esperienza alla Camera di Commercio italo-americana.

Ho mangiato carne grigliata accompagnata da Zinfandel, Syrah, Rosé e Amarone e l’abbinamento mi è piaciuto molto. Ma tutto è destinato a finire.” Complice un seminario organizzato a Houston (Texas) da Taste of Italy, l’evento della Italy-America Chamber of Commerce, la blogger Katrina Clarence Rene ha potuto provare l’abbinamento grigliata e Lambrusco.

Texas BBQ and Lambrusco’, questo il nome dell’incontro, ha permesso di presentare il nostro Rosso Frizzante come un inaspettato compagno della carne cotta alla brace.

Dopo quel seminario, il Lambrusco è diventato seriamente l’unico vino da grigliata di cui potrei avere bisogno. Voglio dire, chi l’avrebbe mai detto?

La carne alla griglia è un piatto senza troppe pretese, che potrebbe però risultare pesante a seconda dei tempi di cottura o delle salse d’accompagnamento. L’acidità frizzante e fresca del Lambrusco è ottima in questo senso. Le uve tanniche, il vino corposo e il non eccessivo contenuto alcolico lo rendono adatto anche alle stagioni più calde. Il sapore fruttato si abbina magnificamente al classico sapore del barbecue.

Tra i tipi di Lambrusco degustati al seminario, spiccano le bottiglie di Cleto Chiarli: Vigneto Cialdini – Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOC e Lambrusco del Fondatore – Lambrusco di Sorbara Secco DOC.

Il Lambrusco potrebbe davvero essere il vino per eccellenza della grigliata” conclude Katrine.

3BB097F0 B1EA 4830 8F7B DDB2A1169A28