31/03/2017

L’eccellenza al femminile di Villa di Corlo

Maria Antonietta Munari, imprenditrice modenese a capo dell’azienda agricola Villa di Corlo, si racconta in un’intervista rilasciata alla Gazzetta di Modena.

L’azienda agricola Villa di Corlo, con una produzione di 115mila bottiglie il 50% venduto all’estero, è un esempio di eccellenza al femminile grazie alla guida di Maria Antonietta Munari e anche un modello di innovazione, tecnica e cultura del vino.

“La nostra famiglia aveva questi vigneti dalla fine dell’800 – si racconta la Munari – ma, dato che non trovavamo un Lambrusco che ci piacesse, nel 1998 è nata l’idea di avviare un’impresa agricola e di provare a vinificare le nostre uve. Subito abbiamo deciso di lavorare in purezza, ovvero con sole uve prodotte dai nostri vitigni: volevo che i miei vini avessero un’identità e caratteristiche ben evidenti.”

Parlando di tecnica e tecnologia, Maria Antonietta Munari racconta: “Lavorazione e tecnica sono molto importanti per avere un giusto equilibrio tra profumi e sapori. La quantità di tecnologia necessaria è notevole, basti pensare che il mosto e il vino vengono lavorati a temperature molto fredde e progressivamente più rigide secondo ogni passaggio della lavorazione”. Per quanto riguarda l’innovazione, l’investimento nel fotovoltaico ha significato una svolta in quanto i pannelli solari forniscono energia sufficiente per tutti gli impianti e possiamo affermare che il nostro Lambrusco è a impatto zero.

Foto home c0 b2 d